Origini, caratteristiche e coltivazione del grano douro

Coltivazione grano duro: origini e consigli utili

Tra le diverse guide pubblicate all’interno della sezione dei consigli per il giardinaggio di Servizi Per il Verde, non poteva mancare un capitolo interamente dedicato alle origini, alle caratteristiche e alla coltivazione del grano duro. Si tratta, del resto, di una delle piante più importanti per la nostra storia, visto il suo utilizzo fondamentale per la produzione della farina, della semola e ovviamente della pasta.

Le origini del grano duro

Il grano duro appartiene alla famiglia delle poaceae meglio conosciute come graminacee. Si tratta di una pianta erbacea, appartenente al gruppo dei cereali che viene coltivata principalmente nel Mediterraneo, negli Stati Uniti, in Canada e nel nord del Messico. Le origini del grano duro sono antichissime: secondo alcuni studi, infatti, le prime specie comparse sul nostro pianeta risalgono addirittura a 6500-7000 anni fa. Tuttavia, l’inizio della sua coltivazione risale a circa 1500-2000 anni fa. Da quell’epoca in poi, grazie alle diverse specie presenti di grano presenti e all’opera dell’uomo, nacquero successivamente nuove varietà coltivate.

Come tutti sappiamo, la coltivazione del grano duro è stata fondamentale negli anni per lo sviluppo di molte popolazioni. Ha rappresentato, infatti, non solo una delle piante fondamentali per il sostentamento alimentare dell’uomo ma anche un prezioso bene di scambio dal punto di vista commerciale.

Coltivazione grano duro: caratteristiche della farina e della semola

La farina che si ottiene dalla macina dei chicchi del grano duro è caratterizzata da una grana grossolana e dal tipico colore giallo-ambra. Ha una conformazione molto tenace ma al tempo stesso rimane tenera e per tali ragioni particolarmente adatta alla produzione della pasta. Il grano duro possiede inoltre, rispetto al grano tenere, possiede una presenza maggiore di proteine, di glutine ed è in grado di assorbire maggiormente l’acqua.

La coltivazione del grano duro

Consigli e indicazioni utili per la coltivazione del grano duro

La coltivazione del grano duro si è sviluppata molto nel corso del tempo, anche a livello tecnologico, tuttavia le caratteristiche di base di questa pianta restano invariate. Si tratta di una specie, infatti, che ha bisogno di quantità medie di irrigazione, soprattutto nelle fasi iniziali della sua crescita. Il grano, dunque, non ama i ristagni d’acqua (specie nei periodi di freddo), le forti folate di vento e i temporali. E’ sconsigliabile, inoltre, ripetere la coltivazione a se stessa, il cosiddetto ringrano o ristoppio, in quanto la resa finale della granella sarebbe decisamente inferiore. Per di più, queste tecniche possono comportare la nascita di malattie fungine, nematodi, insetti oltre che la diffusione di erbe infestanti.

Origini, caratteristiche e coltivazione del grano douro

Iscriviti alla newsletter

Logo
Seguici sui social
Pagamenti accettati
Metodi di pagamento

Servizi per il Verde di D'Ambrosio Cristiano | via D. Serradifalco 122 - 00119 Roma
Tel. 331.4909904 - dambrosiocristiano@libero.it
Partita Iva: IT 15030741001 | Num. REA 1564611 | Tutti i diritti riservati

PRIVACY POLICY | COOKIE POLICY | TERMINI E CONDIZIONI DI VENDITA


Aggiorna le preferenze sui cookie
Serviziperilverde.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. In qualità di Affiliato Amazon, il proprietario del sito riceve un guadagno per ciascun acquisto idoneo. Serviziperilverde.it non è in nessun modo responsabile del contenuto e delle informazioni riportate in ciascuno dei prodotti mostrati, in quanto non è in grado di verificarne l'esattezza ed effettuare eventuali modifiche. Invitiamo tutti gli utenti pertanto, a leggere con attenzione tutte le specifiche sui prodotti, nonché le relative recensioni, prima di procedere all'acquisto che in ogni caso può avvenire solo ed esclusivamente sul sito www.amazon.it.